Bitcoin: cosa sono e come funzionano

Photo by David McBee on Pexels.com

Bitcoin è il nome dato alla cryptocurrency creata nel 2008 da una persona o un gruppo, chiamato Satoshi Nakamoto. Dietro la creazione di questa moneta virtuale ci sono varie teorie e storie, anche alimentate dal fatto che al giorno d’oggi non sappiamo chi realmente lo ha creato, aumentando quindi la speculazione sul perché, come e chi.

Nell’Agosto del 2008 venne registrato per la prima volta l’indirizzo bitcoin.com e dopo due mesi venne fatto uscire nel mondo della criptografia un paper intitolato “Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System,” scritto da Satoshi Nakamoto.

Il 3 di Gennaio 2009 venne resa pubblica la prima linea di codice (lunga 30.000 linee) che spiega come creare 1 Bitcoin. La moneta, descritta dalle persone addette come un vero e proprio software, al giorno d’oggi sta diventando anche un bene rifugio, prendendo il posto di beni come oro, franco svizzero e dollaro.

Bitcoin viene minato e per crearlo ha bisogno di un grosso input di energia e un computer di elevate capacità, capace di computare determinati calcoli (non il computer con cui stai guardando Netflix, per capirci). La tecnologia sottostante, che poi è quella che ha realmente potenziale a livello pratico è la cosiddetta blockchain. Ci sono tre modi per ottenere 1 Bitcoin: può essere comprato, può essere ricevuto in cambio di un bene o servizio, o come descritto precedentemente può essere minato. L’ultimo punto però ha un problema: per aumentare il valore della moneta virtuale negli anni, e di conseguenza ridurre il numero di bitcoin in circolazione, l’equazione usata per creare 1 Bitcoin diventa sempre più difficile e lunga da processare nel tempo, rendendo il processo non economico, aumentando quindi il valore dei Bitcoin in circolazione.

Va comunque sottolineato che questa moneta virtuale, come poi anche le altre uscite negli anni seguenti, hanno creato molte discussioni sull’uso di esse. Bitcoin non è controllato e non sarà mai controllato da governi o enti finanziari. Questo anonimato ha portato all’uso di Bitcoin anche per operazioni illegali, come terrorismo e traffico di droga.

Negli ultimi anni, Bitcoin è diventato un puro asset finanziario, portando il valore BTC-USD a $ 37.333 (quando veniva scritto questo articolo). Va sottolineato che ha una volatilità molto alta, perdendo grosse unità di valore anche in termini di ore e giorni. Può essere usato come asset nel tuo portafoglio di investimento per diversificare? Si. È rischioso? Molto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: