I cannabinoidi come possibili inibitori dell’attivazione dello stroma del carcinoma prostatico

Negli ultimi anni, i cannabinoidi, composti attivi presenti nella Cannabis Sativa, hanno ricevuto crescenti attenzioni grazie ai loro potenti effetti antitumorali sia in vitro che in modelli animali di diversi tumori umani, tra cui il carcinoma prostatico (PCa). I principi attivi più rappresentati negli estratti di Cannabis sono il THC, composto psicotropo che si lega ai recettori cannabinoidi CB1 e CB2,Continua a leggere “I cannabinoidi come possibili inibitori dell’attivazione dello stroma del carcinoma prostatico”